Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Pubblicata la seconda edizione di "Excellence - Italian Main Industrial Sectors"

Data:

20/10/2021


Pubblicata la seconda edizione di

È disponibile la seconda edizione di "Excellence - Italian Main Industrial Sectors", una pubblicazione che pone l’accento sulle eccellenze italiane in diversi campi: Sostenibilità ed Economia Circolare, Industria Agroalimentare, Restaurazione di Arte e Architettura, Arte, Cultura e Turismo, Industria Automobilistica, Cosmetica, Design, Moda, Infrastrutture e Mobilità, Industria Meccanica, Industria Marittima, Industria Medica e Farmaceutica, Energie Rinnovabili, Università, Innovazione e Ricerca, Industria del Legname.

La pubblicazione mette in evidenza i risultati ottenuti sia nei settori più tradizionalmente di successo per l’Italia (ad esempio, nell’Arte e nella Cultura, abbiamo il primato per numero di Siti UNESCO, 58), sia in quelli più innovativi (ad esempio, nell’ambito delle Energie Rinnovabili, l’Italia è il primo paese in Europa per utilizzo di energie rinnovabili e il secondo nel mondo per esportazione di prodotti green).

Come conferma nella prefazione il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, fin dal Rinascimento l’Italia è rinomata nel mondo per creatività e stile. È sede di marchi di moda ampiamente apprezzati e cibo squisito. È anche leader mondiale in molti altri importanti settori, come macchinari, industria del legno, infrastrutture e mobilità, design industriale, cosmetici, prodotti farmaceutici e tecnologie aerospaziali, solo per citarne alcuni.

Si nota che l’Italia è il primo Paese in Europa per fatturato pro-capite nel campo dei prodotti sviluppati con processi biologici (come le bioplastiche). Si colloca al primo posto tra le prime cinque economie dell’UE con la più alta percentuale di rifiuti riciclati. Inoltre, è prima in Europa in termini di tasso di economia circolare, e seconda per uso efficiente delle materie prime e per consumo di energia per unità di prodotto.

L’Italia è tra i primi 10 esportatori mondiali del settore agroalimentare con oltre 200.000 aziende e detiene quasi un terzo delle Denominazioni di Origine Protetta nel mondo. Per quanto riguarda il settore automobilistico, l’Italia risulta essere tra i primi paesi con la più alta percentuale di robot industriali utilizzati nell’industria automobilistica. Inoltre, il Made in Italy è leader nel settore della moda in Europa, in termini di produzioni e valore aggiunto (33,9%).

Ogni sezione del documento prevede la presentazione di dati, forniti dalle analisi della Fondazione Symbola e dalle associazioni dei settori di riferimento, come il volume di affari e il numero di persone impiegate nel settore, utili a comprendere il valore e l’importanza che queste industrie hanno nel mercato mondiale. Inoltre, sono presenti dei link per accedere ai siti delle più importanti associazioni di settore.

 


468